Ultimo Modello Ray Ban

Smembrato anche l’ennesimo gruppo, David Bowie esordisce da solista con l’album omonimo: è il primo giugno 1967. Nei tre mesi successivi , debutta su celluloide nel cortometraggio di Michael Armstrong, The Image. Poco dopo, stringe un sodalizio con il mentore Lindsay Kemp, mimo britannico che gli svela i segreti del mestiere al Dance Centre di Floral Street.A dicembre, prende parte in qualità di mimo e autore delle musiche allo spettacolo della Kemp Company, ‘Pierrot in Turquoise’, rappresentato all’Oxford New Theatre.

“Venne la Primavera di Praga che fece cadere molte delle nostre paure e soprattutto ci fece superare il senso di diffidenza e di sospetto che fino a quel momento ci aveva impedito di fidarci l’uno dell’altro. Gli studenti di diverse facoltà che frequentavano la stessa chiesa la centralissima chiesa della Madonna del Tn cominciarono allora a salutarsi, a parlare liberamente di sé ai compagni . Poi a Pasqua venne dall’Italia un gruppo di studenti un po’ speciali, che io presentai ai miei amici e a persone importanti di Praga, persino l’arcivescovo Frantiek Tomek..

Opporsi al relativismo che inquina la dignità e i valori fondamentali della vita è ben altra cosa che ostinarsi a invadere spazi altrui e cancellare la linea di separazione tornata prepotentemente a galla tra ruoli del governo temporale e orbita della vita ecclesiale. Bisogna accettare fino in fondo di collocarsi nell’orizzonte della tensione bipolare tra fede verità ragione, alleate tra loro, e ordine del mondo presidiato dalle istituzioni di potere. Partendo da qui, dobbiamo avere il coraggio di ripensare a un nuovo innesto del principio di vita nuova del cristiano dentro un universo che non può ritornare al passato di qualunque forma di cristianità mondanizzata, dove si eclissa il senso della differenza tra l’ordine del cielo e quello della terra, la Città di Dio si sovrappone alla civitas umana, lasciandosene fagocitare, e il sacro si degrada a supporto dei legami di dominio tra gli uomini..

Sempre nel 2010 è nel cast internazionale della commedia Letters to Juliet, con Vanessa Redgrave e Amanda Seyfried, e nel drammatico L’amore buio, di Antonio Capuano. L’anno successivo, oltre alla partecipazione nel film Immaturi, è la protagonista del noir partenopeo Mozzarella Stories. Torna l’anno successivo nel sequel Immaturi Il viaggio e nella commedia marittima francese Benvenuto a bordo.

Peccato, perché Zalone è bravo, ha cultura, sarebbe un pezzo da ’90 ma preferisce riproporre all’infinito un personaggio che funziona di più sui palchi del cabaret. In quasi 2 ore di film tutti i limiti vengono invece a galla. Ho visto anche gli altri film di Zalone, e non sono migliori.